Colloqui di settembre: come organizzarli al meglio

Pubblicato 28 agosto, 2018 · 2 min. lettura

A settembre, organizzare colloqui è una delle principali sfide che candidati e imprese si trovano ad affrontare. Per molte aziende, il rientro dalle ferie coincide con l’inizio di un nuovo anno (anche fiscale), nuovi progetti e nuove strategie. Non lasciarti prendere dall’ansia post vacanze, parti con il piede giusto. Ecco 4 consigli utili per gestire in modo efficace i colloqui conoscitivi con i candidati:

 

Colloqui settembrini? È ora di pianificare 

Probabilmente, nel corso dei mesi precedenti hai raccolto moltissimi dati rispetto alla tipologia di candidati più in linea con i bisogni della tua impresa e rispetto ai canali di recruitment che accelerano i tempi di selezione . Sono tutte informazioni già pronte che hanno solo bisogno di essere ordinate in un piano di recruiting. Prima di iniziare i colloqui, ricordati di dare un punteggio a ogni competenza presente nel team e verifica se davvero, per ognuna delle funzioni aziendali, la “quantità” delle skills disponibili è adeguata o se, invece, manca qualcosa. In questo modo, saprai quali competenze chiave cercare nel nuovo candidato.

 

Costruisci il tuo candidate persona

Nel riflettere sul quadro generale del bilancio delle competenze, hai sicuramente fatto una verifica sui dipendenti che hanno avuto la migliore performance. Usali per costruire un set di “candidates personas”. Normalmente questo processo richiede uno sforzo di creatività e immaginazione per creare il profilo del candidato ideale. A volte potresti già averlo in azienda, approfittane.

 

Settembre è il mese dei “careers day”

Quasi tutte le università, ma anche molte altre organizzazioni a settembre organizzano eventi in cui le imprese possono presentarsi ai candidati del futuro. Prenditi un giorno per partecipare a uno di questi eventi e stendi una lista dei possibili candidati per i colloqui da condurre in ufficio. Ti aiuterà ad avere uno sguardo diretto sul mercato e anche a fare una verifica sull’Employer Branding.

 

A proposito di “Employer Branding”

Come comunichi a potenziali candidati? La sezione “lavora con noi” del tuo sito web è adeguata (e aggiornata)? Sei presente sui social network? Sai già quali funzionano meglio? Ancora una volta, tieni presente che l’employer branding è uno strumento chiave per attrarre e retenere talenti.

 

Conclusioni

Adesso hai davvero tutto quello che ti serve per inziare il round di colloqui. Dato che settembre è il mese in cui si definiscono tutte le strategie, per mettere in marcia il tuo recruiting plan, hai bisogno di conoscere gli obiettivi e i piani operativi aziendali. Al rientro dalle ferie, quindi, organizza subito una serie di riunioni con i tuoi colleghi a capo delle funzioni aziendali per essere allineato. In questo modo, è probabile che l’energia del trovare rapidamente i candidati giusti compensi il “blues” del rientro dalle vacanze.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche…

3 passi per incrementare la produttività dei tuoi dipendenti