Azienda: le aspettative dei millennials

Pubblicato 20 novembre, 2018 · 3 min. lettura

Nel report “Millennials e Mondo del Lavoro” abbiamo analizzato le aspettative dei millennials che, entro il 2020, rappresenteranno oltre il 50% della forza lavoro in azienda. Ne emerge un ritratto sorprendente: i millennials sono pragmatici, addirittura il 93% degli intervistati mette la stabilità al primo posto. Seguono apprendimento continuo e “work-life balance”. Abbiamo quindi approfondito le loro aspettative rispetto al lavoro in modo che tu possa considerarle per attrarre e trattenere i migliori talenti.

Millennial_e_recruiting_Report_CornerJob_2018

 

Tra le aspettative professionali dei millennials, il 93% degli intervistati mette la stabilità al primo posto Condividi il Tweet

 

I Millennials e le loro aspettative professionali

Nella scelta di un’azienda, i millennials sentono di poter dare il meglio di sé quando riescono a instaurare con i loro leader una relazione costruttiva. Cercano un dialogo partecipativo che permetta loro di esprimere un talento che fatto di competenze tecniche, ma anche di intelligenza emotiva e valori personali. Per l’85% degli intervistati all’interno della nostra ricerca un buon ambiente di lavoro è più importante della remunerazione.

 

In azienda i millennials chiedono di lavorare “per obiettivi”

L’approccio dei Millennials al lavoro è sempre più “progettuale”. Per questo privilegiano opportunità professionali in cui il focus sia sugli obiettivi, e non su aspetti burocratici come orari di lavoro ecc. Vedono nello smart-working non solo la possibilità di poter coniugare al meglio vita professionale e vita privata, ma anche l’opportunità di essere, per l’azienda, portatori di risultati migliori e nel lungo periodo. Desiderano piena fiducia e responsabilità circa il loro operato. Sono infatti convinti che impegno, produttività ed efficacia non siano aspetti legati alla quantità delle ore passate in ufficio. E anche in quei lavori in cui la presenza fisica è inderogabile, come ad esempio nella distribuzione e nella ristorazione, privilegiano la responsabilizzazione e la collaborazione al rigore del controllo.

Millennials_aspettative_lavoro_obiettivi

 

In azienda cercano la stabilità    

Nell’indagine che abbiamo condotto per il nostro Report questo dato è emerso chiaramente. I Millennials nel lavoro non si sentono mai “arrivati”. Il 75% degli intervistati entra con l’obiettivo di ampliare al massimo le sue competenze professionali. E se l’azienda è in grado di offrire percorsi di crescita e formazione interessanti, fondamentali per il 56%, potrà anche migliorare il tasso di employee retention. I Millennials sono ancora in continuo movimento, ma al “job hopping” preferiscono crescere all’interno della stessa azienda, come dichiara il 72% del nostro campione.

 

La “giusta” cultura aziendale è importante per i millennials

I Millennials hanno riscoperto il valore dell’impegno sociale (in termini di inclusione, parità di genere, filantropia, ambiente). E vorrebbero ritrovare i valori in cui credono nella cultura dell’azienda in cui lavorano.

 

Per concludere

I millennials, crescendo, hanno maturato la consapevolezza che i valori chiave dei loro genitori possono aiutarli a a realizzare i loro sogni. Il lavoro gioca sicuramente un ruolo molto importante, ma solo se in equilibrio con altri aspetti fondamentali quali vita privata, indipendenza, crescita. Le “3C” che caratterizzano l’approccio dei Millennials al lavoro d’altronde sono: Connected, Confident e open to Change. Tutte qualità utili per contribuire ad una migliore produttività, evoluzione della cultura aziendale e sviluppo del business.

 

Potrebbe interessarti anche…

Il lavoro per i millennials? questione di valori!